Tre piante tagliate a S. Felice: impegno dell'Amministrazione a rimediare quanto prima

Versione stampabileVersione PDF

Si è appresa la notizia del taglio di tre piante – un pioppo nero e due farine (querce) - nei pressi del quartiere S. Felice. L'abbattimento purtroppo è avvenuto per una mancanza procedurale, per cui non è stata richiesta una verifica strutturale nei tempi previsti per legge e di cui l'Amministrazione non può che sentirsi responsabile.

La situazione si è verificata a causa di un momento di transizione dirigenziale che ha fatto slittare i termini previsti per la valutazione del caso specifico.

La proprietà aveva infatti segnalato che le piante in questione erano affette da una malattia, corredando la domanda di abbattimento con una perizia di un agronomo. Purtroppo i tempi si sono prolungati e, a seguito della modalità di gestione della pratica che prevede il "silenzio assenso", le piante sono state abbattute.

La notizia, come detto, rattrista e si cercherà di porre rimedio quanto prima individuando altri spazi, come quello di Bagnara, sede della piantumazione del bosco dei Nuovi Nati.

Verrà sentito anche il proprietario affinché la compensazione prevista a seguito dell'abbattimento sia congrua ed avvenga già in questa stagione silvana con la messa a dimora di nuove piante, pur nella consapevolezza che ciò potrà solo parzialmente compensare la perdita di alberi che rappresentano parte dell'identità del quartiere e dei suoi abitanti.

Tipologia
News
Categoria di News